Carta Si Eura

CARTA RICARICABILE CARTASI EURA

Nel mondo delle prepagate ecco emergere una nuova carta, CartaSi Eura; è una carta ricaricabile pensata per i giovanissimi ma anche per chi ha bisogno di avere un prodotto semplice e facile da utilizzare. E’ un prodotto che si rivolge anche ai genitori che vogliono fornire ai figli una modalità di acquisto differente dai contanti e al contempo seguire le spese che fanno.

 Richiedere CartaSi Eura è davvero facile, basta recarsi presso una delle moltissime banche che aderiscono a questa iniziativa.

Chi è interessato a questa carta prepagata potrà averla anche se non risulta titolare di alcun conto corrente. Non è necessario presentare alcun documento di residenza in Italia ma semplicemente il proprio codice fiscale; anche gli stranieri possono dunque farne richiesta.

Il suo funzionamento, una volta caricata di una certa somma, è assolutamente identico ad una tradizionale carta di credito.

La ricarica iniziale, che serve per attivare la carta, è di soli 25 euro a cui devono essere aggiunti 5 euro per le spese di apertura e la carta avrà una validità pari a 5 anni. La ricarica massima è di 250 euro per volta e ogni ricarica costa 2 euro; il limite massimo di giacenza sulla carta è determinato dalla banca in cui si apre la CartaSi Eura.

L’intestatario della CartaSi Eura potrà utilizzare la carta per gli acquisti presso i negozi oppure online. Questo è possibile perchè la carta fa parte del circuito Visa che è accettato dalla maggior parte degli esercenti.

Il vantaggio di utilizzare una carta prepagata come la CartaSi Eura è il controllo sui propri acquisti; una volta esaurito il credito, non la si potrà riutilizzare fino alla nuova ricarica.

Carta Si Eura si può utilizzare anche come una carta bancomat e prelevare negli sportelli il contante che occorre.

Ti serve un prestito? Richiedi un appuntamento in una filiale Compass!

Conti correnti in evidenza:
Conto corrente Arancio di Ing Direct
Conto corrente My Genius di UniCredit

Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati