Prestiti colpo d’arresto

PRESTITI PERSONALI  IN CALO

Gli italiani iniziano a stare più attenti alle spese che effettuano e anche alle richieste di prestiti ad esse correlate. Fino allo scorso anno la richiesta di prestiti era in costante ascesa ma quest’anno sembra aver subito un blocco d’arresto o comunque una sostanziale diminuzione.

Le statistiche sono state diffuse dall’osservatorio Crif Eurisc, la banca dati dei pagatori; questa banca dati fornisce una panoramica dei soggetti che hanno fatto richiesta di un prestito o di un mutuo ed il loro comportamento da buoni o cattivi pagatori.

La richiesta di prestiti personali è calata del 14% in riferimento al mese di settembre e anche le cifre richieste sono inferiori agli scorsi anni, con una media di poco più di 5.000 euro. La durata del prestito aumento e spesso è presente la richiesta di portare la restituzione a 60 mesi.

L’unica tipologia di prestito che si salva sono i prestiti per le vacanze che ancora riscuotono un certo gradimento nei richiedenti.

Negli ultimi mesi la situazione è andata lentamente peggiorando anche nei mutui fino ad arrivare ad un picco di arresto pari al 33% in meno rispetto allo stesso mese di ottobre dello scorso anno.

A partire da marzo 2011 la situazione è passata dal -3% al -10% di aprile e a -23% di settembre.

Alcune regioni italiane sono andate peggio di altre, come il Veneto dove si assiste a diminuzioni anche del 18% nella richiesta di mutui.

Le motivazioni di questa situazioni possono essere imputate alle crisi e alla paura degli italiani di investire il proprio denaro per così lungo tempo.

Se è vero che gli italiani non arrivano a fine mese e che spesso avrebbero necessità di accedere ad un prestito personale, è anche vero che si stanno preferendo le rinunce rispetto all’onere di una rata mensile che grava sullo stipendio già magro.

Ti serve un prestito? Richiedi un appuntamento in una filiale Compass!

Conti correnti in evidenza:
Conto corrente Arancio di Ing Direct
Conto corrente My Genius di UniCredit

Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati