Prestiti personali per le vacanze

Prestiti personale adatti per le vacanze

Siamo quasi a Pasqua e certamente molti italiani, penseranno di voler fare un viaggio, anche se breve, per staccare un po’ la spina dalla routine quotidiana, la possibilità è chiedere dei prestiti personali, nella linea del credito al consumo.

Oggi c’è la crisi e si fa sentire, anche nelle richieste di prestiti personali effettuati alle finanziarie, si preferisce in questo caso, diluire la durata del prestito in un tempo più lungo. Nel 2010 sono stati compilati online circa 35.000 preventivi online, nel sito del comparatore di prestiti.

L’importo medio della richiesta dei prestiti personali è stato di circa 8.000 euro, da parte degli uomini, e di circa 7.000 euro da parte delle donne. La durata del piano di ammortamento mediamente arriva a 39 mensilità.

Circa il 31% delle donne effettua la richiesta di prestiti personali per andare a fare un viaggio, la maggior parte di esse proviene dal Mezzogiorno, dove viene richiesto un importo del finanziamento che può arrivare anche a 10.000 euro, in Sicilia.

Continuando a ipotizzare di restituire i prestiti personali nell’arco di tre anni, la ricerca effettuata sul portale prestiti, individua una rata più economica, di 224 euro al mese, con la formula della cessione del quinto dello stipendio, con la Rata Bassotta, di IBL Banca. In questo caso il TAEG è pari a circa il 10%.

Offerte di prestiti personali tradizionali

Fra i prestiti personali sono presenti anche altre offerte, di tipo tradizionale, come quella di Fiditalia che ci calcola una rata mensile di 225,55 euro, con TAEG di 10,53% ed una cifra restituita pari a 8.130 euro.

Si ha la possibilità, anche di associare una polizza alla richiesta dei prestiti personali, come la polizza di Credit protection, che però porterebbe un incremento del prestito di circa 150 euro.

Ti serve un prestito? Richiedi un appuntamento in una filiale Compass!

Conti correnti in evidenza:
Conto corrente Arancio di Ing Direct
Conto corrente My Genius di UniCredit

Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati