Prestiti, si fanno largo i finanziamenti a breve termine

PRESTITI PERSONALI A BREVE TERMINE

I prestiti a breve termine, sono diventati ormai una necessità, ma i tassi di interesse, con i quali le aziende concedono tali prestiti sono vicini all’usura.

In Inghilterra, la popolazione che ha difficoltà ad accedere ai prestiti personali presso i tradizionali canali, quali le Banche o le finanziarie, si affida ai prestiti detti payday. I prestiti personali a breve termine, che vengono offerti dalle aziende, sono concessi per cifre che si aggirano dalle 200 alle 1000 sterline.

La restituzione dei prestiti personali dovrà avvenire nell’arco di un mese, maggiorando la cifra anche di un 30%, rispetto a quanto è stato concesso come finanziamento. I prestiti personali a breve scadenza, sono quindi un’attrattiva per il consumatore che ha necessità di liquidità, ma rappresentano anche un grosso svantaggio, successivamente nel riuscire a restituire l’ammontare del finanziamento.

In Italia non si è ancora diffusa la proposta delle aziende di ottenere prestiti personali a beve termine, anche se è ugualmente difficile accedere ad un finanziamento presso una Banca. Il consiglio è considerare, tramite internet, le offerte di prestiti personali proposte anche dalla finanziarie come Findomestic e Agos Ducato.

I prestiti personali della Findomestic contemplano prestiti per auto, vacanze ed altri progetti come scuola e lavoro. Altri prestiti personali di piccolo importo sono dedicati ai prestiti per cerimonie, e per lo studio all’estero.

Per i prestiti personali l’osservatorio informatico Eurisc,il Crif, Sistema di informazioni creditizie, evidenzia infatti un calo del 15% avvenuto nel mese di gennaio. Diminuiscono le domande di accesso ai crediti, da parte delle famiglie, rispetto al precedente anno, i prestiti personali finalizzati sono infatti diminuiti.

Ti serve un prestito? Richiedi un appuntamento in una filiale Compass!

Conti correnti in evidenza:
Conto corrente Arancio di Ing Direct
Conto corrente My Genius di UniCredit

Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati