Prestito difeso

Le tipologie di prestito possono essere di differente genere, come i prestiti personali o i prestiti agevolati. Da qualche tempo c’è la possibilità di richiedere un prestito difeso, ovvero un prestito associato ad un’assicurazione. Il prestito difeso può anche essere proposto dalla finanziaria, sia per proteggere se stessa nel caso di mancato pagamento che per proteggere chi richiede un prestito nel caso questo non sia in grado di saldare il debito.


Banner_Amazon Optical 468x60

 

Dal nome, prestito difeso, si può intuire la finalità di questa tipologia; l’assicurazione associata ad esso preserva la corretta restituzione dei soldi richiesti.

L’assicurazione copre il mancato pagamento di una o più rate nel caso il richiedente non possa farlo per una serie di motivazioni:

–       perdita di lavoro

–       invalidità permanente o semi-permanente per incidente sul luogo di lavoro

–       morte

 

Il fattore assicurazione potrebbe incidere sul costo della rata mensile. Un’assicurazione si accolla i rischi legati alla non restituzione e in qualche modo deve averne un rientro.

Richiedere un prestito difeso è un’ottima mossa soprattutto quando la dilazione in rate si “spalma” su più anni. Nessuno può sapere cosa succederà un domani e, anche se può incidere economicamente, è pur sempre una somma molto piccola per stare sicuri.

 

Le banche o le finanziarie possono suggerire l’apertura di un’assicurazione volontaria oppure inserire l’assicurazione direttamente nel prodotto finanziario. Banca Marche ha adottato questa seconda tipologia di prestito promuovendo il prodotto Assicura Prestito.

Si possono richiedere fino a 30.000 euro rimborsabili anche in 10 anni e il richiedente può usufruire dell’opportunità di traslare una rata oppure sospenderla per un certo periodo di tempo.

 

Ti serve un prestito? Richiedi un appuntamento in una filiale Compass!

Conti correnti in evidenza:
Conto corrente Arancio di Ing Direct
Conto corrente My Genius di UniCredit

Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati