Prestito Superquinto

Superquinto è un prestito proposto dalla banca Unicredit, a tutti i dipendenti pubblici.


Banner_Amazon Optical 468x60

Questo prodotto finanziario nasce per venire incontro a tutti quei soggetti che nel tempo sono stati poco ligi ai pagamenti; il prestito in questione non richiede infatti nessuna garanzia in particolare se non la busta paga.

La busta diventa l’elemento che garantirà nel tempo la restituzione del debito, senza che il soggetto debba fare nulla; il datore di lavoro, in questo caso il ministero, dovrà accettare la domanda di prestito.

Nella norma il datore di lavoro non avrà alcun problema o impedimenti ad accettare la richiesta.

Sostanzialmente si tratta di un prestito basato sulla cessione del quinto dello stipendio e per ottenerlo è sufficiente anche presentare la sola busta paga.

Il dipendente pubblico deve essere quindi in possesso di un lavoro a tempo indeterminato.

Le caratteristiche di Superquinto Unicredit sono:

–       la possibilità di ottenere fino a 52.000 euro in contanti

–       la velocità di approvazione della richiesta, che può essere accettata anche in sole 24 ore

–       restituzione del debito tramite prelievo diretto dalla busta paga, con rate fisse mensili

–       durata delle rate a partire dai 2 anni fino ad un massimo di 10

 

Il Superquinto è rivolto anche ai pensionati; in questo caso il ruolo di datore di lavoro è preso dall’INPS.

 

Il prestito Superquinto si ottiene recandosi presso una filiale della Unicredit, forniti dell’ultima busta paga, dei documenti reddituali, del documento personale e codice fiscale.

La banca richiede la compilazione di un modulo e la sottoscrizione ad una polizza assicurativa che tutela in caso di mancato pagamento per motivi quali il decesso, la perdita del lavoro o l’impossibilità a lavorare.

 

Ti serve un prestito? Richiedi un appuntamento in una filiale Compass!

Conti correnti in evidenza:
Conto corrente Arancio di Ing Direct
Conto corrente My Genius di UniCredit

Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati