Rata costante

Finalmente l’Italia si sta riprendendo dalla crisi finanziaria, non lo dico io ma i dati


Banner_Amazon Optical 468x60

che vengono definiti dal ISTAT che non registravano un aumento delle stipule di
mutui dal 2007.In Italia le stipule dei mutui esi erano quasi fermate del tutto.

Questo perché un immobile costa meno rispetto al 2007 e perché, finalmente dopo
tanto tempo, i tassi dei mutui sono scesi al minimo storico. Oggi giorno ci sono
prodotti finanziari per qualsiasi esigenza che ha un qualsiasi cliente.

Ma oggi il cliente sta richiedendo il muto a tasso VARIABILE con la rata costante.


Il mutuo a rata costante significa che:
il prodotto finanziario, anche essendo regolato a tasso variabile,prevede che ci sia il
mantenimento di una rata fissa,che viene determinata solo la prima volta quando si
stipula il contratto di mutuo.
Vi starete chiedendo cosa ci sia in questo prodotto di variabile?
Il tasso  variabile c’è: perché quello che varia in questo prodotto, non è la cifra della
rata mensile bensì il tempo della durata, detto anche(piano ammortamento).
Può variare sia a ribasso che a rialzo, cioè può durare quei 2 anni in più oppure quei 2
anni in meno. Non pensiamo che il mutuo varia con la durata maggiore o minore di
10 anni,5 anni etc etc, perché con il ribasso ed il rialzo della valuta, ciò non potrà mai
accadere,nè in positivo nè in negativo.
I PRO E I CONTRO:
Nel caso in cui i tassi variano e salgono, la rata resterà uguale ma la durata diventerà
sempre più lunga.
Ha un tasso più basso rispetto al tasso fisso ma dà la stessa tranquillità, visto la rata è
costante,e per lo più se i tassi diminuiscono la durata del mutuo diminuirà.

Ti serve un prestito? Richiedi un appuntamento in una filiale Compass!

Conti correnti in evidenza:
Conto corrente Arancio di Ing Direct
Conto corrente My Genius di UniCredit

Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati