Arbitro Bancario Finanziario

Se un cliente ha dei problemi con la propria banca e non sa come affrontarli, può rivolgersi presso l’Arbitro Bancario Finanziario (ABF).


Banner_Amazon Optical 468x60

L’ABF è un sistema indipendente e che assume il ruolo imparziale e giudicante di controversie che possono insorgere tra i clienti, le banche e anche gli istituti finanziari.

Le banche e gli istituti finanziari debbono avere obbligatoriamente un adesione ad organi come l’ABF.

Anche se il giudizio che può avere l’ABF non è paragonabile ad una sentenza di tribunale, generalmente le banche ascoltano i consigli; in caso contrario il giudizio dell’ABF viene reso pubblico e la banca avrebbe una pubblicità negativa.

 

I tempi di azione dell’ABF sono sempre molto rapidi e non hanno costi proibitivi.

Vediamo come agire se il cliente ritiene il comportamento, della banca  o dell’istituto finanziario, non soddisfacente e poco trasparente.

La prima cosa che il cliente può fare è effettuare un reclamo presso l’apposito Ufficio che ogni ente finanziario è obbligato ad avere.

La risposta da parte dell’Ufficio Reclami deve giungere in massimo 30 giorni.

Il cliente può ritenere insoddisfacente la risposta e procedere tramite un ricordo all’ABF.

Il ricorso sarà analizzato in poco tempo, qualche mese.

 

Ci si rivolge all’ABF quando:

–       la controversia riguarda delle transazioni inferiori a 100.000 euro

–       è il cliente che apre una controversia

–       nel caso l’ufficio reclami della banca non abbia dato una risposta soddisfacente

 

Per presentare un ricorso presso l’Arbitro Bancario Finanziario si deve compilare un modulo che si trova facilmente presso tutte le banche.

 

Ti serve un prestito? Richiedi un appuntamento in una filiale Compass!

Conti correnti in evidenza:
Conto corrente Arancio di Ing Direct
Conto corrente My Genius di UniCredit

Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati