Aumenti per i Mutui a tasso variabile

La Banca centrale europea(BCE), ovvero il Consiglio  Direttivo ed il suo presidente Jean-Claude Trichet,si riunirà il 7 aprile, per un piano di difesa contro l’inflazione,una ricaduta interesserà  l’aumento dei tassi variabili.


Banner_Amazon Optical 468x60

Se fosse deciso ciò,l’aumento interesserebbe  le rate dei mutui decennali e ventennali.

Undici euro al mese,sarà l’aumento della rata per i mutui decennali pari a 100.000 euro,a tasso variabile,se l’aumento sarà di 0,25 punti. E 12 euro in più al mese, per i mutui ventennali,relativi alla stessa cifra,100.000 euro.

Secondo le stime dell’Adusbef e la Federconsumatori ,l’aumento totale si aggirerebbe intorno ai 624 euro l’anno, per le famiglie che hanno stipulato un mutuo a tasso variabile.

Saranno 30mila le famiglie a rischio stime secondo il Codacons.

Glossario:

La Banca centrale europea (BCE) nata nel 1998 dal trattato sull’Unione europea,la sua sede è Francoforte (Germania).Le sue funzioni sono: gestire l’euro e garantire la stabilità dei prezzi .

Adusbef (Associazione Difesa Utenti Servizi Bancari Finanziari Assicurativi Postali),specializzata nel settore bancario, finanziario, assicurativo, combatte aspre battaglie in difesa dei diritti dei cittadini in ogni settore consumerista.

Il Codacons – Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori – è nata nel 1986

http://www.codacons.it/index.asp

Ti serve un prestito? Richiedi un appuntamento in una filiale Compass!

Conti correnti in evidenza:
Conto corrente Arancio di Ing Direct
Conto corrente My Genius di UniCredit

Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati